.:SEGUICI SU:. FACEBOOK INSTAGRAM
2023 21 maggio

Un pari che vale una stagione, azzurri salvi !!


TORVISCOSA - PORTOGRUARO : 0 - 0 (d.t.s.)

TORVISCOSA : Ioan (64' Fabris) Toso, Cucchiaro, Zetto, Pratolino, Tuniz, Bertoni (110' Felipe), Grudina, Ciriello (76' Ciriello), Garbero (92' Zuliani), Novati (80' Paoluzzi). All.: Pittilino.

PORTOGRUARO : Muraca, Cofini, Bertoia, Zamuner (97' D' Odorico), Lirussi (86' Costa), Alcantara, Peresin (84' Zanin), Franceschini, Ferramisco (97' Del Rosso), Rodriguez (51' Bonaldi), Bronzin. All.: Conte.

Arbitro : Gasperotti Silvia della sez. di Rovereto (Macchi della sez. di Gallarate e De Tommaso della sez. di Voghera).

Note : recupero : 3' e 8' (t.s. : 1' - 6') corner : 4 - 3 per il Torviscosa. ammoniti : Zetto, Pratolino e mister Pittilino (T), Franceschini, Beroia, Zamuner, Ferramisco (P). espulso : 90'+7' Grudina (T) per doppia ammonizione. Spettatori : 1000 circa.

Arriva al termine di 120’ al cardiopalmo la permanenza del Torviscosa in serie D; una salvezza conquistata nel play-out in gara secca del “Tonello” contro il Portogruaro che aveva chiuso le regular season solo un punto sotto Capitan Zetto & co.

Una stagione da montagne russe quello della matricola biancoazzurra che ha saputo lottare con le unghie e con i denti anche contro i pronostici che in avvio non la vedevano di certo tra le maggiori candidate alla permanenza in categoria.

È bastato quindi un pareggio senza reti  per festeggiare, perchè il regolamento concedeva due risultati su tre alla truppa di Patron Midolini in virtù della migliore posizione in classifica maturata al termine della stagione regolare.

Di fronte ad un foltissimo pubblico, che gremisce le tribune del Comunale friulano, i due tecnici presentano i due undici che dovranno andare a caccia della salvezza : e se Pittilino recupera Pratolino, rilanciando Ciriello e Ioan in luogo di Gubellini e dello sfortunato Saccon, il mister granata si affida ai punteros Rodriguez e Alcantara tenendo lo spauracchio Bonaldi inizialmente in panchina.

L’ avvio è chiaramente contratto, la posta in palio è alta ed il primo vero caldo (29* in avvio) si fa sentire.

Al 9’ primo squillo della gara con Rodriguez lesto ad inbuca per Franceschini che dal fondo mette in mezzo per l’ accorrente Alcantara che col piattone spara incredibilmente alto.

L’ occasione ospite ha il potere di spaventare ed al tempo stesso risvegliare gli azzurri che al 20’ rispondono con Novati su cui Muraca risponde in due tempi.

I ritmi non sono alti e questo fa il gioco dei padroni di casa che controllano il gioco e possono punzecchiare in avanti.

Al 25’ Bertoni, dal fondo sinistro, trova Ciriello che peró in acrobazia da centroarea puó solo toccare mentre al 32’ è lo stesso Bertoni a colpire di testa il cross di Garbero senza trovare peró il perfetto impatto con ls sfera.

La frazione si chiude con i tentativi, murati, di Bertoni da una parte e Rodriguez dall’ altra,  prima che al 3’ di recupero sempre il “7” ex San Luigi sprechi un contropiede potenzialmente pericoloso in superiorità numerica.

Dopo il thè è Ciriello con un sinistro di controbalzo che sfila a pochi centimetri dal palo a far venire i brividi ai molti supporters granata presenti.

Non succede molto fino al 62’ quando Ioan si scontra in uscita con Alcantara ed deve lasciare il posto a Fabris.

L’ ingresso di Bonaldi, tra le fila  venete, infonde nuova verve agli ospiti ma le occasioni latitano e con la prospettiva dei supplementari la paura di sbilanciarsi attanaglia i 22 in campo.

Al 90’ dal nulla, Gubellini potrebbe far saltare il banco ma lanciato da Garbero, davanti a Muraca calcia sul primo palo trovando solo l’ esterno della rete.

La frazione, assai spezzettata induce il direttore di gara Gasperotti ad assegnare 8’ di recupero che volano via veloci fino al 97’ quando Grudina, già ammonito, si fa cacciare per una reazione a metá campo.

Con i 30’ supplementari da giocare, mister Pittilino con un 4-3-1-1 prepara i suoi al prevedibile forcing ospite che peró non si materializza nella prima, nervosa e spezzettata frazione.

Nella seconda il Portogruaro, che deve assolutamente segnare, prova il tutto per tutto ed il possesso palla è costantemente in mano a Bertoia & co.

Il Torviscosa resiste e con qualche prevedibile perdita di tempo spinge avanti il cronometro.

Sono i neoentrati a provarci per mister Conte ed è Costa al 109’ , con un destro dal limite deviato da Cucchiaro, a sfiorare il palo; sul corner invece Bonaldi, col diagonale al volo, fa esplodere il pubblico di fede gransta ma la sfera è solo sull’ esterno della rete.

Dentro anche Felipe per un 5-3-1 che deve solo resistere fino al triplice fischio finale che arriva dopo una clamorosa mischia in area azzurra sbrogliata da Zuliani dopo i tentativi in rapida successione di Del Rosso, Alcantara e Bronzin e ben 6’ di recupero.

Poi è solo festa azzurra !!



 

Abbiamo a cuore la tua privacy

Utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalitÓ indicate nella pagina privacy policy. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante ''Personalizza'' sempre raggiungibili anche attraverso la nostra cookies info. Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su ''Accetta e chiudi'' o rifiutarne l'uso facendo click su ''Continua senza accettare''