.:SEGUICI SU:. FACEBOOK INSTAGRAM
2019 7 aprile

L' altalena continua : anche la Gemonese fa punti al ''Tonello'' !!


TORVISCOSA - GEMONESE : 1 - 1

Reti : Al 44' rig. Lestani (T) ed al 75' rig. Arcon (G).

TORVISCOSA : Nardoni, Facca, De Blasi, Petris, Deana (Tuan), Colavecchio, Piccolotto, Lestani, Corvaglia, Toso (Zucchiatti), Borsetta. All. Zanuttig

GEMONESE : Menegon, Cozzi (Londero), Coslovich (Aviani), Zucca, Bortolotti, Persello, Aste, Leonarduzzi (Abazi), Zannier, Venturini (Siqeca), Arcon. All. Bortolussi

Arbitro : Muccignato Federico della sez. di Pordenone (Sokolic della sez. di Trieste e Borean della sez. di Pordenone).

Note : recupero : 3' e 6'. corner : 5 - 4 per la Gemonese. ammoniti : Lestani (T), Persello e Zannier (G). espulsi : Zucca (G), Corvaglia (T) e Piccolotto (T) tutti per doppia ammonizione. Spettatori : 100 circa.

3 cartellini rossi, 2 rigori e altrettanti gol, uno per parte. Sono questi i dati statistici più rilevanti del pareggio fra Torviscosa e Gemonese, match fondamentale per i differenti obiettivi stagionali delle due squadre.
Al termine della gara, la spartizione dei punti in palio fa sorridere solamente la squadra di Bortolussi, momentaneamente non coinvolta negli spareggi playout. Per i ragazzi di Zanuttig invece, tanti rimpianti e qualche timida recriminazione.
Dopo un velleitario tentativo di girata al volo da parte di Leonarduzzi all’11° minuto, il primo vero pericolo viene creato dal Torviscosa, al 23° giro di lancetta.
La punizione laterale di Lestani dalla sinistra mette in difficoltà la difesa ospite, incapace di allontanare l’insidia. La sfera, danzante in mezzo all’area, viene raccolta da Deana sul secondo palo, ma la conclusione del difensore, a realizzazione sicura, viene respinta da Menegon, provvidenziale e abile a chiudere lo specchio della porta.
Al 25° saggio di bravura di Toso; il trequartista è capace di penetrare in area dopo aver beffato il diretto avversario con un tunnel, ma sul più bello conclude rasoterra tra le braccia di Menegon, disinteressandosi dei compagni di squadra meglio posizionati.
La replica della Gemonese si concretizza con una collezione di calci d’angolo all’altezza del 27° di gara. In occasione del primo tentativo, risulta provvidenziale l’intervento di Colavecchio nel deviare a fondo campo il colpo di testa di Zannier.
Alla mezz’ora le avvolgenti manovre di Borsetta creano scompiglio nella retroguardia giallo-rossa.
Al 31° l’attaccante pone Petris in condizione di tentare una conclusione che meriterebbe maggior potenza, mentre 4 minuti più tardi è lo stesso numero 11 a sfruttare l’intelligente sponda di petto di Toso, per impegnare l’estremo difensore ospite con un tiro dai 25 mentri.
Al 42° Facca opta per una rimessa laterale a lunga gittata, con palla che spiove in mezzo all’area senza essere allontanata da alcun difensore. Il più lesto ad avventarsi sul cuoio bianco è Corvaglia, la cui volè di destro viene stoppata con un braccio da Zucca; l’arbitro ravvisa la scorrettezza e assegna il calcio di rigore. Con una conclusione centrale, capitan Lestani porta in vantaggio la sua formazione, marcando la quarta soddisfazione personale in stagione, seconda consecutiva.
Nei minuti di recupero della prima frazione la Gemonese avrebbe l’opportunità di agguantare il pareggio, ma Nardoni si dimostra prodigioso nel deviare in angolo, con un colpo di reni, la beffarda conclusione dal limite dell’area di Leonarduzzi.
Pronti via e i secondi 45 minuti offrono subito un episodio decisivo. Zucca, già ammonito in occasione del calcio di rigore, interviene pericolosamente in scivolata sulla caviglia di Deana, meritandosi la seconda sanzione disciplinare, e lasciando la sua squadra in inferiorità numerica.
Il Torviscosa prova allora a sfruttare i numerosi spazi che si vengono a creare in ripartenza, e al 51° Borsetta, liberato dall’intuizione di Piccolotto, incrocia la conclusione rasoterra, senza tuttavia inquadrare i pali difesi da Menegon.
Al 55° l’arbitro torna ad essere protagonista, comminando due cartellini gialli in rapida successione a Corvaglia, reo di aver riferito frasi inopportune all’ufficiale di gara. La parità numerica ristabilita ravviva la Gemonese, che appena dopo l’ora di gioco si trova addirittura in vantaggio di un uomo, per l’allontanamento dal campo del centrocampista Piccolotto, anch’egli poco garbato nel reagire alla decisione del guardalinee.
A questo punto mister Bortolussi comincia a credere nelle possibilità di recupero del risultato, e inserendo l’attaccante Londero, indovina la mossa giusta.
Al 73° la percussione del numero 16 viene contrastata irregolarmente da Colavecchio all’interno dell’area di rigore, determinando così un secondo penalty, ma questa volta in favore della Gemonese.
Arcon si incarica della battuta dagli 11 metri, che spiazza Nardoni, e riequilibra anche il risultato dell’incontro.
Colossale l’opportunità che capita sui piedi di Londero a 10 minuti dal temine. Lanciato a rete, con il solo Nardoni da dover superare, l’attaccante spreca clamorosamente l’opportunità del vantaggio, calciando malamente a fondo campo.
Al disarmonico forcing finale della Gemonese, il Torviscosa replica con tanto cuore, corsa e fiato, che consentono alla squadra di Zanuttig di ottenere il 4° risultato utile consecutivo, ma non di tenere il passo delle squadre da podio.
La corsa all’inseguimento dei playoff si complica.