.:SEGUICI SU:. FACEBOOK INSTAGRAM
2018 30 settembre

Borsetta - Puddu, il ''Torvis'' aggancia la vetta !!


JUVENTINA S.A. - TORVISCOSA : 0 - 2

Reti : 2’ Borsetta e 54’ rig. Puddu.

JUVENTINA : Malusá, Kogoj, Marini F, Racca, Marini N, Innocenti, Madonna (Banini), Zuliani (Copetti), Fiorenzo (Buzzinelli), Romanelli, Kerpan (Veljkovic). All. Sepulcri.

TORVISCOSA : Nardoni, Facca (Zucchiatti), Zanon R, Tuan, Zanon C, Peloi, Borsetta (Toso), Goz, Puddu (Grassi), De Blasi (Piccolotto), Sangiovanni. All. Marin.

Arbitro : Zini Marco della sez. di Udine (Prandin della sez. di Cormons e Savorgnani della sez. di Maniago).

Note : recupero : 2' e 5'. corner : 5 - 1 per la Juventina. ammoniti : Marin F e Romanelli (J), Zanon C, Peloi, De Blasi, Puddu e Zucchiatti (T). espulso : nessuno. Spettatori : 100 circa.

Sul manto erboso dello Stadio Comunale Sant’ Andrea di Gorizia, va in scena la quarta giornata di campionato, che il Torviscosa si aggiudica con un secco 2 a 0 ai danni della neopromossa Juventina, allungando così a 6 la striscia di risultati utili consecutivi e conquistano la prima vittoria in trasferta della stagione.
Mister Marin deve fare i conti con una defezione per reparto; sono Colavetta, Lestani e Corvaglia gli indisponibili, sostituiti rispettivamente da Peloi al centro della difesa, Tuan in mediana e Sangiovanni come terminale offensivo. A centrocampo viene confermato De Blasi, autore di 65 minuti e di un gol nella gara di coppa disputata a metà settimana.
Neanche il tempo per gli spettatori di accomodarsi in tribuna, che il Torviscosa sblocca il risultato.
Al minuto numero 2 Goz vince un contrasto a centrocampo e innesca un rapido contropiede sull’asse De Blasi-Puddu. L’esterno d’attacco fa valere tutta la sua velocità e sfonda sulla fascia sinistra; una volta d’entro l’area effettua un cross basso arretrato, troppo lungo per l’accorrente Sangiovanni, ma non per Borsetta che ha tutto il tempo di controllare il pallone e di depositarlo in rete con una potente conclusione.
La Juventina prova a reagire al mortifero pronti-via ospite gestendo il possesso di palla e costruendo delle azioni in verticale, con l’intenzione di favorire gli inserimenti in area dei rapidi centrocampisti.
Al 23’ è il numero 7 Madonna, appostato all’altezza del primo palo, a deviare verso rete un traversone proveniente dalla fascia sinistra. Pur colpita in maniera maldestra e senza un’elevata potenza, la palla lambisce il palo, procurando più di qualche brivido a Nardoni.
Poco oltre la mezz’ora il Torviscosa tenta di costruire nuovamente un’azione degna di nota, e per farlo si affida sempre ai protagonisti del goal.
Puddu riceve un lungo lancio in area di rigore, e dopo aver smorzato la sfera con il petto, la serve di tacco al compagno di reparto Borsetta, appostato al limite dell’area di rigore; stop di destro e tiro di sinistro, che questa volta però va soltanto vicino al bersaglio grosso.
Quattro minuti più tardi i due attaccanti propongono un nuovo duetto a ruoli invertiti. Borsetta veste i panni del rifinitore e prolunga di testa un passaggio alto; Puddu, scattato sul filo del fuori gioco, è in grado di anticipare l’uscita bassa del portiere, ma non di inquadrare la porta sguarnita.
L’ultimo squillo del primo tempo è di marca Juventina, e porta ancora una volta il nome di Madonna. Il centrocampista offensivo, appostato nei pressi del vertice sinistro dell’area di rigore, indirizza un traversone verso la porta di Nardoni, che non viene intercettato da alcun compagno, e si spegne debolmente a fondo campo.
La seconda frazione di gara sembra dare ragione alla voglia di rimonta dei padroni di casa, e al 48’ risulta provvidenziale e decisivo l’anticipo di Zanon C nei pressi dell’area di porta, il quale impedisce al rapidissimo Fiorenzo di battere a rete da ottima posizione.
Per uscire dal momento di difficoltà il Torviscosa si affida al suo capitano di giornata, Lorenzo Puddu. Al 52’ minuto il numero 9 crea scompiglio una volta di più sulla fascia di sua competenza e si fa atterrare dal diretto avversario in area di rigore. Per il direttore di gara non ci sono dubbi, e assegna agli ospiti la massima punizione. Del tiro dagli undici metri si incarica lo stesso Puddu, che calciando centralmente, trafigge Malusà, raddoppiando il vantaggio della sua squadra e portando a 5 le personali marcature in stagione.
Sotto di 2 reti la Juventina non si da comunque per vinta e continua a mantenere una grande intensità di gioco, nel tentativo di riaprire la partita.

Il prolungato possesso palla biancorosso nella metà campo bianco-azzurra, apre delle invitanti praterie per gli avanti di Marin, che in 3 occasioni hanno l’opportunità di presentarsi a tu per tu con il giovane Malusà : le prime due circostanze vengono interrotte dall’intervento del guardalinee, il quale ravvisa delle dubbie posizioni di fuori gioco, mentre nel terzo caso è il difensore Marini N ad arrestare la corsa di Borsetta con un fallo da ultimo uomo, secondo l’arbitro non meritevole di cartellino rosso.
La partita, pur spezzettata dalla girandola di sostituzioni degli ultimi 20 minuti, non cala nè nell’intensità del gioco, né nell’agonismo dei contrasti.
Sono le conclusioni di Veljkovic (punizione mal calciata da ottima posizione) e Piccolotto (destro dal limite che centra la traversa) a fungere da brividi conclusivi di un incontro frizzante, ricco di occasioni da gol e che regala al Torviscosa 3 punti fondamentali per attestarsi al primo posto in classifica, in compagnia di San Luigi e Lumignacco.